Una storia di rifugiati: noi e l'ombrello

Un mantello in grado di ricordare ogni goccia.
Ogni rumore di quest’ultima sulla superficie della santa pelle che ci protegge.
Ciascun frammento di sollievo al pensiero che senza di esso sarebbe potuta andar peggio.
E in quel breve istante di ritrovato coraggio, stretti nell’abbraccio di solidale fratellanza, ci facciamo tutt’uno con il nostro unico amico...

Leggi il resto

Commenti