venerdì 6 aprile 2018

Il viaggio di una fotografia

Nondimeno, il cammino dei piccoli proseguì tra valigie di cartone e cartoni a forma di valigia, tra presenti senza futuro e futuri senza passato, tra cittadini mutati in rifugiati e rifugi senza una città come casa.
Perché è questo che fa la faida tra umano e umano, qualora si ripeta stoltamente, più e più volte.
Trasforma le cose, le cambia nome, ma ogni qual volta le osservi con attenzione, rivedi sempre lo stesso volto di chi voleva solo camminare senza paura.

Leggi il resto

Nessun commento:

Posta un commento